IL PUNTO

IL PUNTO E' L'ELEMENTO PIU' PICCOLO DEL LINGUAGGIO VISIVO.

I PUNTI SI POSSONO DISTRIBUIRE IN MANIERA REGOLARE (AD ESEMPIO IN FILA), OPPURE IRREGOLARE (COME NELL'IMMAGINE QUI SOTTO).

TRACCIANDO PUNTI PIU' FITTI O MENO FITTI SI RIESCE A CREARE EFFETTI DI CHIAROSCURO.

SI PUO' APPLICARE QUESTA TECNICA PER DISEGNARE UN PAESAGGIO: I PUNTI PIU' FITTI CREANO ZONE SCURE, MENTRE I PUNTI MENO FITTI RAPPRESENTANO LE ZONE CHIARE.

ANCHE IL QUADRO QUI SOTTO E' FATTO TUTTO DI PUNTINI: LO HA DIPINTO GEORGES SEURAT, UN PITTORE PUNTINISTA.

 

ANCHE GLI ARBORIGENI AUSTRALIANI, CHE CREANO FORME D'ARTE DA MIGLIAIA DI ANNI,DIPINGONO CON I PUNTI: TANTI PICCOLI PUNTI CHE DISEGNANO ANIMALI.

LUCERTOLA
TARTARUGA

ESERCITAZIONE IN CLASSE: LETTURA DELL'IMMAGINE

  1. OSSERVA UN DIPINTO.
  2. TRASCRIVI SUL QUADERNO I SEGUENTI DATI
    1. Autore
    2. Titolo
    3. Data di esecuzione
    4. Tecnica e supporto
    5. Misure
    6. Collocazione
  3. RISPONDI ALLE SEGUENTI DOMANDE:
    1. Ci sono dei punti oppure brevi trattini?
    2. Sono fitti o rarefatti?
    3. Sono distribuiti in modo regolare o non regolare?